» Il Club » Regolamento

Art. 1 – Gli associati

L'iscrizione all'Associazione si richiede compilando e firmando il modulo d'iscrizione, indirizzato al Presidente, completato in ogni sua parte.

Il Consiglio di Amministrazione (CdA) dell'Associazione accetta o rifiuta le domande, sulla base di quanto previsto dallo statuto dell'Associazione stessa.

Possono essere Soci dell'Associazione persone fisiche, persone giuridiche, enti o associazioni.

Enti, Associazioni, Aziende che fanno richiesta di iscrizione all'Associazione sono rappresentati da una persona fisica designata dall'Ente stesso, secondo le proprie norme e regolamenti.

Gli associati si impegnano ad agire nell'Associazione in modo spontaneo, personale e gratuito, senza fini di lucro.
Sono riconosciuti i Soci Fondatori, Soci Ordinari e Soci Sostenitori.

Sono Soci Fondatori coloro che risultano nell'Atto Costitutivo dell'Associazione.
Sono Soci Ordinari tutte le persone fisiche, giuridiche, enti e associazioni che ne facciano richiesta scritta e che risultino in regola con il pagamento della quota associativa entro la chiusura dell'anno solare e associativo.
Sono Soci Sostenitori coloro i quali intendano contribuire con liberalità alle finalità previste all'art. 3 dello statuto.

All'atto dell'iscrizione il socio ordinario versa la quota, che viene fissata in:
€ 10 per studenti,
€ 50 per persone fisiche (ditte individuali o professionisti),
€ 100 per persone giuridiche.

All'atto dell'iscrizione viene richiesto, ai sensi della legge 196/2003, il consenso scritto alla raccolta ed all'impiego, come di seguito specificato, delle seguenti informazioni personali:

iscrizione ente giuridico: iscrizione ente giuridico:
nome e cognome
codice fiscale
denominazione ente o società di appartenenza
posizione occupata
recapiti aziendali (indirizzo, telefono, fax, e-mail, sito internet)
iscrizione persona fisica: nome e cognome
codice fiscale
professione
titolo di studio
recapiti personali (indirizzo, telefono, fax, e-mail)

In mancanza del consenso del richiedente nel fornire queste informazioni, l'Associazione non potrà dare seguito alla richiesta di iscrizione.

Le informazioni relative ad ogni Socio dell'Associazione sono archiviate in formato cartaceo (scheda personale) ed in formato elettronico, in un database contenente le stesse informazioni presenti sulla scheda.

I dati, custoditi presso la sede sociale, vengono utilizzati nella gestione ordinaria. Resta escluso qualsiasi utilizzo di essi per fini commerciali.

Il responsabile designato al trattamento dei dati è il Presidente dell'Associazione.

Non è consentito ad alcuno la diffusione e/o cessione sia totale sia parziale dei dati dell'archivio senza il consenso scritto degli associati interessati.

Nel caso di rifiuto dell'ammissione il Consiglio di Amministrazione disporrà il rimborso della quota eventualmente versata.

Art. 2 – Decadenza degli associati

Dopo l'accettazione dell'iscrizione l'associato riceverà la tessera sociale valida per l'anno sociale in corso.

La tessera è valida solo con l'apposizione del timbro dell'Associazione e della firma del Presidente.

All'atto dell'iscrizione il Socio dichiara per iscritto di osservare le norme dello Statuto e del presente Regolamento.

Come da art. 5 dello Statuto, la qualità di associato si perde per:

•  Incapacità giuridica;
•  Dimissioni indirizzate al presidente;
•  Esclusione per mancato pagamento della quota associativa o per gravi motivi.

Le dimissioni producono i propri effetti allo scadere dell'anno solare in corso, qualora siano state comunicate per iscritto, almeno tre mesi prima.

L'esclusione è dichiarata dal Consiglio di Amministrazione, previa contestazione degli addebiti, con delibera motivata.

Il decesso, le dimissioni o l'esclusione di un membro non mettono fine all'associazione che continua ad esistere tra gli associati rimanenti.

L'associato che abbia perso la qualifica di iscritto decade da ogni diritto e carica eventualmente ricoperta. Né lui né suoi delegati, eredi o aventi causa potranno far valere alcun diritto passato, presente o futuro su quote sociali, contributi, liberalità o sul patrimonio.

Art. 3 – Quota associativa

In ordine al disposto dell'Art. 7 dello Statuto, si considera in regola con il versamento della quota l'associato che abbia corrisposto l'importo fissato dal CdA dell'anno precedente.

Art. 4 – Assemblea generale

Come da art. 10 dello Statuto, l'assemblea generale è costituita dai soci dell'associazione, limitatamente a coloro che siano in regola con i versamenti dei loro contributi. Gli associati possono farsi rappresentare in assemblea da altri associati, previa delega scritta.

L'avviso di convocazione di assemblea generale deve contenere il luogo, la data, l'ora della riunione in prima e seconda convocazione, da tenersi almeno 1 giorno dopo la prima, e l'ordine del giorno.

La convocazione dell'assemblea avviene mediante pubblicazione sul sito web dell'associazione ( www.campania-startup.it ), e/o spedizione per posta prioritaria, e/o invio di posta elettronica.

L'assemblea generale non potrà svolgersi nel mese di Agosto di ogni anno.

L'assemblea è aperta dal presidente dell'associazione. L'assemblea procede alla nomina del presidente e del segretario dell'assemblea, su proposta del presidente dell'associazione o di uno dei partecipanti.

Compiti del presidente dell'assemblea sono aprire i lavori e leggere l'ordine del giorno.

Compiti del Segretario dell'assemblea sono: trascrivere fedelmente gli atti assembleari, redigere un verbale dei lavori che dovrà essere firmato da lui e dal Presidente dell'assemblea e consegnato al Presidente dell'Associazione in carica alla fine dei lavori assembleari.

Gli atti dell'assemblea sono conservati in apposito registro a cura del Presidente.

Le votazioni sono palesi.

L'assemblea generale ordinaria è convocata dal Presidente una volta l'anno per l'approvazione del bilancio e in ogni altro caso egli lo giudica utile, o su richiesta motivata di almeno un quarto dei membri dell'associazione, indipendentemente dalla categoria di appartenenza.

Spetta all'Assemblea Ordinaria degli associati deliberare su:

1. Bilancio preventivo e consuntivo predisposti dal CdA;
2. Rinnovo delle cariche sociali;
3. Regolamento interno dell'associazione;
4. Acquisti, permute e vendite di beni immobili necessari al perseguimento dell'oggetto sociale;
5. Costituzioni di ipoteche e debiti;
6. Tutte le questioni in interesse generale e quant'altro sottoposto dal Presidente, ad eccezione delle materie relative alle competenze dell'Assemblea straordinaria;
7. Ogni altra materia attribuitale per legge.

La delibera è valida se l'assemblea generale ordinaria si è costituita con la presenza di almeno un quarto degli associati e, in seconda convocazione, delibera validamente indipendentemente dal numero degli associati presenti o rappresentati, sugli argomenti posti all'ordine del giorno della precedente assemblea.

Le delibere sono prese a maggioranza dei voti dei membri presenti o rappresentati.

L'assemblea generale straordinaria è convocata dal Presidente quando ne riconosca la necessità o su richiesta motivata di almeno un quarto degli associati o dal CdA.

L'Assemblea Straordinaria delibera su:

1. Scioglimento dell'Associazione e relativa devoluzione del patrimonio;
2. Modifiche di statuto e atto costitutivo;
3. Trasferimento della sede legale;
4. Trasformazione;
5. Fusione;
6. Ogni altro argomento di carattere straordinario sottopostole dagli organi competenti o riservatole per legge.

L'assemblea straordinaria è validamente costituita con la presenza di almeno la metà degli associati, qualora si tratti di deliberare sugli argomenti previsti dai suddetti punti 2) e 6) e, in seconda convocazione, delibera validamente indipendentemente dal numero degli associati presenti o rappresentati, sugli argomenti posti all'OdG della precedente assemblea.

Nei casi previsti dai punti 2) e 6) le delibere sono prese a maggioranza dei due terzi dei voti degli associati presenti o rappresentati.

Nel caso previsto dal punto 1) l'assemblea si costituisce e delibera ai sensi dell'art. 21 c.c., 3° co., con il voto favorevole di almeno tre quarti degli associati.

Art. 5 – Consiglio di Amministrazione e modalità di elezione dello stesso

Come da art. 16 dello Statuto, il Consiglio di Amministrazione è composto da un minimo di quattro a un massimo di otto membri. I membri del Consiglio di Amministrazione sono eletti dall'assemblea generale.

Come da art. 17 dello Statuto, la durata del mandato di amministratore è di quattro anni. I membri uscenti sono rieleggibili. Venendo a mancare uno o più consiglieri, il Consiglio può procedere alle nomine in loro sostituzione, ma tali nomine dovranno essere sottoposte, per ratifica, alla delibera della prima successiva assemblea generale. I membri così nominati durano fino al momento in cui veniva a scadere il mandato dei membri sostituiti. Le funzioni di amministratore sono gratuite.

Art. 6 – Comitato Direttivo

Come da art. 19 dello Statuto, il comitato direttivo è composto da un Presidente, un Vice Presidente, un tesoriere e un Segretario. I membri durano in carica due anni. In caso di rinnovo, e per la durata del loro mandato, possono essere rinominati o designati a nuove cariche.

Il comitato direttivo riceve delega dal CdA per gestire e amministrare il patrimonio dell'Associazione e prendere le misure necessarie al suo buon funzionamento.

Il comitato direttivo si riunisce su convocazione del Presidente.

Le funzioni di membro del comitato direttivo sono gratuite.

Art. 7 – Revisori dei conti

Come da art. 22 dello statuto, il controllo sulla gestione amministrativa dell'Associazione spetta ad un collegio di revisori. Il collegio dei revisori è nominato dall'Assemblea, è costituito da tre membri e dura in carica due anni.

I revisori sono rieleggibili. Essi potranno essere scelti in tutto o in parte fra persone estranee all'associazione, avuto riguardo alla loro competenza.

I revisori dovranno:

•  Accertare la regolare tenuta della contabilità sociale;
•  Presentare una relazione all'Assemblea relativamente ai bilanci annuali;
•  Effettuare ispezioni e controlli;
•  Vigilare sul rispetto delle norme di legge in quanto applicabili.

Art. 8 – Comitato tecnico-scientifico

Accanto agli organi previsti dallo statuto, l'associazione si dota di un comitato tecnico-scientifico, composto da associati che possono contribuire con la loro esperienza sia al programma strategico dell'associazione, che all'organizzazione degli eventi. Il comitato può invitare, a seconda delle esigenze, anche esperti esterni all'associazione.
I componenti del CdA e del comitato direttivo partecipano di diritto al comitato tecnico-scientifico.

Art. 9 – Il Presidente

Come da art. 20 dello Statuto, il Presidente dell'associazione ha rappresentanza legale della stessa.
Il Presidente ha il compito di:
•  Convocare e presiedere l'assemblea degli associati;
•  Convocare e presiedere il CdA;
•  Convocare e presiedere il comitato direttivo;
•  Curare l'esecuzione delle deliberazioni del CdA e del comitato direttivo;
•  Favorire il raggiungimento dei fini sociali.

Il Presidente dura in carica due anni.

In caso di assenza o di impedimento del Presidente, è delegato allo svolgimento dei suoi compiti il Vice Presidente o, in assenza di questi, il Consigliere più anziano.

In caso di dimissioni, revoca del mandato o decesso del Presidente, il Vice Presidente svolgerà le funzioni di Presidente sino alla successiva nomina del CdA.

Home | Attività | Progetti | Stampa | Link